Tuesday, October 3, 2017

Ankara Kolej
Wood+glass_100x126cm_ed. of 5

















Tutto pronto per l'apertura della mostra Into the Landscape, a cura della Galleria Consarc di Chiasso (CH) ed inserita all'interno della decima edizione della Biennale dell'Immagine.
Maggiori info ed il testo introduttivo sul sito.

Monday, September 18, 2017

A double portrait I like quite a lot, sister and brother, Brooke and James, shot one by one in order to get a diptych.




Tuesday, January 17, 2017

Pronti per la partenza dei nuovi corsi di Fotografia firmati ThinkVisual.
Be ready. Be visual. 




Thursday, December 15, 2016

Thursday, December 8, 2016

Clementine Schneider is a young and very talented photographer I just found her in a small photo festival in Lucca (ITA). She won the Leica Oscar Barnack Newcomer Award, but she was actually more than ready to win the real prize and not the newcomer. Anyway, she's young, she's very talented so other prizes will come.

Monday, November 28, 2016

Si torna a scuola ma lavorando: con Ferran Paredes Rubio per il cortometraggio FarEst, progetto Come nasce un cortometraggio, della Fondazione Banca del Monte.

Thursday, November 3, 2016

Per Lucca Comics torniamo tutti un pò più giovani, e ci piace anche per quello. Io mi sono travestito come mi vestivo una volta, da fotogiornalista, ed ho seguito per una giornata Hajime Tabata, regista di Final Fantasy XV, tra incontri al pubblico, incontri con i fan e qualche caffè.

Friday, July 29, 2016

Effenberg al Summer Festival

Ho smesso di fotografare concerti da oltre 10 anni, e i motivi sono quelli che pensate, però ci sono alcune situazioni che richiedono un'eccezione alla regola.
E' capitato un anno fa, quando ho seguito per tutto il mese di maggio il Tour americano di Ukulollo con Gennaro Scarpato (e prima o poi uscirà un piccolo post anche su questo, è solo questione di tantissimi giga, e tempo) ma è ricapitato anche l'altra sera per fotografare il debutto di Effenberg al Summer Festival di Lucca. Effenberg è Effenberg, e spacca.
Ma per me è Stefano, Ste, il Pompetta, chiamatelo come vi pare per me è un grande amico, i nomi non contano ma conta l'emozione nel vederlo sparire da dietro le quinte
per andare verso un palco con sotto 3 mila persone, certo 3 mila perché i lucchesi di musica e cultura ne capiscono - come si sa - poco, ma siccome è gratis pigliano tutto. Questo li porta spesso a prendere parecchie cose anche nel di dietro ma è un altro discorso e adesso lasciamo stare, però la sera del 26 Luglio 2016 ai lucchesi è andata bene, hanno avuto una grande serata e nessuno li obbligava ad essere coinvolti emotivamente, a partecipare, a capire le canzoni che venivano cantate per loro e ad applaudire calorosamente, invece l'hanno fatto ed erano pure contenti. Ma torniamo a noi.
Siccome un concerto è un concerto ... le foto che puoi fare sono più o meno sempre quelle...
... cambi inquadratura, un pò più al centro, destra, sinistra, avanti o indietro, insomma quella roba lì. Bisogna dire che con un palco del genere fa anche sfogo fare un pò di foto on stage perché il palco è veramente tosto, è grande, è profondo e le luci arricchiscono molto l'atmosfera.
Però sono foto on stage, ed hanno tutte un sapore simile. Allora abbiamo pensato con Effenberg di fare qualche foto anche nel backstage per respirare l'aria dei camerini, una roba che fosse più documentaristica anche perchè alla fine sono - anche - quelle le foto che servono, quelle che magari pensi ma che la faccio a fare.
Falla, non pensare, scatta, stai zitto, parli tutto il giorno quando c'è da scattare scatta, anche in silenzio. Tutto fa comodo, tutto serve, a qualcosa forse prima o poi, ma accadrà, se ci credi però. Se volete documentare dovete scattare. Se volete fare delle foto interessanti dovete fare delle foto che vi assomiglino
Se le vostre foto assomigliano troppo a quelle degli altri ponetevi qualche domanda perché qualcosa non torna, forse siete voi troppo uguali agli altri. In queste foto trovate un pò di tutto. Un grande chitarrista come Paolo Sodini, un grande bassista come Modestino, ed un Piero Perelli in stato di grazia che si è fatto una maratona quasi no stop per tutta la serata, e cazzo se tira Piero, di brutto! e poi ci sono gli amici allo svacco :-), quelli che senza si va da poche parti.
Finiamo con un cantautore che si scruta allo specchio, sta facendo delle cose bellissime ed emozionanti, ed io sono contento di aver potuto condividere con lui questi momenti, ci sono dei privilegi nella vita a volte, e io lo ebbi, quello di esserci. C'è un qualcosa di magico nel poter pensare andando avanti e indietro nel tempo, una sorta di nostalgia del futuro immaginando quando insieme, tra un pò di anni, ci saranno Effenberg e ThinkVisual che riguarderanno le foto, si guarderanno a vicenda e sorrideranno.